Città della Pieve

“Un murales, una memoria per un lavoro in sicurezza”. UN PROTOCOLLO D’INTESA DEDICATO AGLI STUDENTI DELLE SUPERIORI

Pubblicata il 02/12/2015

Oggi, mercoledì 2 dicembre  nella Sala Giunta di Palazzo Fargna è stato sottoscritto il protocollo d’intesa fra  Comune di Città della Pieve, Inail, Anmil, e Istituto d’Istruzione Superiore Italo Calvino. Scopo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare gli studenti delle scuole secondarie di II° grado sulle tematiche legate  alla  prevenzione e sicurezza nei luoghi di vita e di  lavoro. Oltre ad essere destinatari di un percorso formativo sull’argomento, realizzato in collaborazione con esperti del settore, tra cui il Forma.t (Formazione per il terziario), gli studenti saranno coinvolti nella partecipazione ad un concorso in due sezioni, che  premierà la miglior frase e il miglior disegno per  un murales dedicato alla sicurezza sul lavoro, da collocarsi in uno spazio messo a disposizione dal Comune e la migliore rielaborazione di una  raccolta di testimonianze, foto, filmati su uno o più episodi legati alla sicurezza nei luoghi di lavoro, che hanno interessato la comunità locale della Pieve.
L’intesa è stata siglata dal  sindaco di Città della Pieve, Fausto Scricciolo e per l’Inail dal direttore reggente, dott.ssa  Alessandra Ligi (direzione Territoriale Perugia-Terni) per l’Istituto d’Istruzione Superiore Italo Calvino dalla docente Ornella Beccafichi e dal Presidente  dell’Anmil commendatore Alvaro Burzigotti. Alla firma del documento presenti anche i rappresentanti  dell’Inail Giuseppa Castellino, Patrizia Salvatore e dell’Anmil Marcella Binaretti e Enzo Capoccia.
“Quello della sicurezza e della prevenzione sui luoghi di lavoro è una materia che necessita la massima attenzione  – spiega il sindaco –, per questo l’Amministrazione è soddisfatta e orgogliosa di poter sostenere iniziative che su questo tema coinvolgano i nostri ragazzi”.
La dott.ssa Alessandra Ligi, nel sottolineare l’importanza di una sempre maggiore attenzione al mondo dei giovani da parte dell’Inail,  come investimento per la “sicurezza futura” nei luoghi di lavoro, afferma la convinzione che soprattutto  attraverso la scuola si può arrivare ad una più capillare e proficua diffusione della cultura della sicurezza come stile di vita acquisito e non imposto. A metà maggio si terrà la cerimonia di inaugurazione dell’opera e la premiazione degli studenti vincitori del concorso.
 

Facebook Google+ Twitter